Dott.ssa Anna Toffan

immagine di anna toffanAnna Toffan è dirigente veterinario presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, U.O. Virologia speciale degli animali acquatici della SCS6 Virologia speciale e sperimentazione. Laureata in medicina veterinaria, ha conseguito poi il dottorato in Scienze veterinarie – indirizzo di Sanità pubblica e patologia comparata e il diploma di specializzazione in Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati.

 

I suoi interessi di ricerca vertono principalmente sulla diagnosi e il controllo delle malattie virali dei salmonidi (VHS, IHN, IPN) e delle specie marine (VER/VNN). Particolare importanza ricopre l’attività di ricerca volta allo sviluppo di vaccini sicuri ed efficaci nei confronti delle malattie virali delle suddette specie. Ha un particolare interesse per la microscopia elettronica a trasmissione e il suo utilizzo nella diagnosi delle malattie virali da campioni clinici.

 

Nel 2016 è stata nominata esperto OIE per il Laboratorio di Referenza OIE per l’encefalo-retinopatia virale. Nell’ambito del Centro di Referenza Nazionale per le malattie dei pesci molluschi e crostacei è la responsabile del Laboratorio Nazionale di Riferimento per le malattie dei pesci. Collabora inoltre attivamente con il Centro di Referenza Nazionale per l’influenza aviaria e la malattia di Newcastle dell’IZSVe nella lotta alle patologie virali degli avicoli.

 

È coinvolta in numerosi progetti di ricerca nazionali e internazionali: alcuni riguardano lo studio della patogenesi e la caratterizzazione del virus della encefaloretinopatia virale (RC IZSVe 07/10; RC IZSVe 05/11; RC IZSVE 02/14; RC IZSVE 09/15) e lo sviluppo di vaccini nei confronti di questa patologia (FP7TARGETFISH; H2020-MedAID). Altra tematica di interesse è lo studio delle patologie virali dei salmonidi quali VHS, IHN e IPN (RC IZSVe 21/11; RC IZSVe 17/13; ERAnet ANIHWA-NOVIMARK) e di altre specie ittiche (RC IZSVE 07/14, RC IZSVE 08/15). Infine altri progetti mirano alla creazione di reti di monitoraggio ed al trasferimento tecnologico e formazione (RC IZS PLV 16/10; progetto INNOVAH20; progetto VetBioNet).

 

Ha partecipato a più di 40 convegni nazionali ed internazionali del settore, spesso contribuendo con interventi orali e ha pubblicato altrettanti lavori scientifici su riviste internazionali.